Discover

Cooker Girl aka Aurora Cavallo, top food influencer

Una delle top food influencer più conosciute risponde al nome di Aurora Cavallo, meglio nota come Cooker Girl. Presente sui social, è una delle content creator in materia di cucina più apprezzate degli ultimi tempi.

Sorridente e sempre con la ricetta pronta, si è fatta strada in un mondo già in parte saturo con piatti freschi e semplici che hanno conquistato milioni di follower. Scopriamo di più sulla vita privata e sulla vita lavorativa di Aurora Cavallo aka Cooker Girl, amatissima food influencer.

aurora cavallo pronta a cucinare con il grembiule
Foto credit account Instagram @cooker.girl

Biografia di Aurora Cavallo, in arte Cooker Girl

Nata in provincia di Cuneo nel 2001, Aurora Cavallo condivide parte della sua vita privata tramite i social. Non soltanto cucina, quindi, ma anche spaccati della sua vita. Ha iniziato a cucinare all’età di quattordici anni prendendo ispirazione dalle nonne, ottime cuoche.

Piemontese, con una grande passione per la cucina e aspirante chef, è diplomata al Liceo Linguistico e ha poi proseguito il suo percorso all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Ha capito cosa voleva fare nella vita quando, per necessità, cucinava perché i genitori – la mamma è Alessandra Rinaudo e il padre l’ha sempre incoraggiata e supportata – tornavano a casa tardi. Le nonne – come detto – sono state la fonte di ispirazione e spesso fanno la loro comparsa nei video di Aurora. A Elle, l’influencer e food blogger ha raccontato:

La mia passione per la cucina è nata per colmare un gap. I miei genitori tornavano sempre tardi dal lavoro e non avevano tempo di cucinare. Le mie nonne cucinavano più per dovere che per il gusto di farlo, così mi sono cimentata io e loro mi hanno supportato da subito.

Sul Web è conosciuta come Cooker Girl e la famiglia è per lei la cosa più importante. Aurora ha una sorella più grande, Nicole Cavallo, ma le due hanno interessi diversi: quest’ultima, infatti, lavora nel campo della moda come designer di abiti da sposa e ha un suo brand, Nicole Milano. Della vita sentimentale di Aurora Cavallo, invece, non sappiamo molto se non che è fidanzata.

Nicole si definisce una persona solare ed espansiva, mentre Aurora è lunatica e introversa. Entrambe sono, comunque, determinate nel perseguire i propri sogni.

Gli esordi su TikTok, giovanissima, in tempo di pandemia

Appassionata di social, Aurora Cavallo ha iniziato il suo percorso con TikTok, il social network di video sharing cinese nato nel 2014 con il nome di musical.ly. TikToker ormai da anni, è giunta in questo mondo nel 2020 e, in piena pandemia, ha ricevuto il successo sperato raggiungendo milioni di visualizzazioni e di follower.

Prima di sbarcare su TikTok aveva, comunque, mosso i primi passi con il suo blog, nato nel 2016 e chiamato proprio Cooker Girl come i suoi profili social.

Cooker Girl è la storia di una giovane ragazza, della sua sconfinata passione per la cucina, ma è anche e soprattutto un intreccio di ricordi, valori ed emozioni che si traducono in ingredienti, profumi e sapori.

Dopo l’avvio del blog, è la volta di Instagram e poi di TikTok a gennaio 2020. Da anni, quindi, condivide con il proprio pubblico video-ricette, accompagnata dal suo inseparabile grembiule rosso comprato a New York.

Inizialmente molto timida e riservata, non voleva far sapere di questa sua passione e mostrare il proprio volto ed è proprio per questo che aveva scelto il nickname Cooker Girl – ispirato alla sua serie TV preferita Gossip Girl – mostrando soltanto le mani e il suo grembiule rosso. La sua vera identità venne, poi, rivelata quando collegò per sbaglio il suo profilo Facebook a quello Instagram.

La passione di Cooker Girl e le sperimentazioni in cucina

Creativa e originale, Cooker Girl ha dichiarato di avere “tanta, tantissima voglia di scoprire, imparare, migliorare” e di avere imparato a cucinare guardando tantissimi video di ricette su YouTube, oltre che informandosi tramite libri, blog e riviste.

Ed è forse questo mio background “amatoriale” ciò che ha spinto centinaia di migliaia di utenti ad affezionarsi a me, una ragazza che fino a qualche anno fa si trovava esattamente dall’altra parte dello schermo.

Tra i suoi piatti ci sono panini, pasta fresca, toast, pizza, dolci e moltissimo altro, perché ad Aurora Cavallo piace sperimentare, una cucina “tradizionalmente nuova: tenendo sempre a cuore gli insegnamenti delle nonne e le ricette della mia terra, ho fatto tesoro dei miei viaggi e dei nuovi sapori così scoperti”.

Adoro sperimentare, scoprire, provare ricette sempre più complesse, spingermi oltre ai miei limiti, intrecciare culture e tecniche culinarie diverse.

Ricette semplici ma sfiziose, che hanno conquistato tutti perché facili da realizzare. Come raccontato su TikTok, il suo sogno è quello di realizzarsi nel mondo della ristorazione.

Per Forbes è tra gli under 30 più influenti in ambito social

Ancora una volta, Forbes Italia ha stilato una classifica che premia alcuni volti dell’imprenditoria giovanile, dal mondo dello sport a quello della tecnologia passando per quello della moda, della sanità, della musica, della finanza e anche della cucina.

Intraprendenti e determinati, sono in tanti e ognuno con la propria storia e progetto da portare avanti con ambizione. Aurora Cavallo, in quanto food blogger, figura tra gli under 30 più influenti in ambito social. Un traguardo e una soddisfazione certamente importanti per la giovane content creator.

Cooker Girl alla ricerca di ricette sempre più sorprendenti

Come detto prima e raccontato anche su Luce, ad Aurora Cavallo piace sperimentare sempre nuove ricette, ma anche rispolverare e dare nuova vita a piatti della tradizione. Questo suo modo di fare, forse, è più apprezzato dai giovani.

C’è tra i miei coetanei una maggiore volontà di provare sapori meno conosciuti. Sui social, però, c’è molto integralismo.

Del resto, la gastronomia fa parte del patrimonio culturale e questo, sebbene sia fantastico, le rende più difficile poter sperimentare e accontentare tutti. Parlando di sperimentazioni, un suggerimento di Aurora è quello di provare pomodoro e salsa di soia insieme: un’accoppiata vincente, da accompagnare anche alla pasta.

Il lavoro presso la Bakery Andersen & Maillard a Copenaghen

Cooker Girl ha avuto modo di lavorare alla Bakery Andersen & Maillard a Copenaghen, in Danimarca. A Cuneo Cronaca, Aurora Cavallo ha raccontato:

Se deciderete di intraprendere questo viaggio fatto di impasti, alveoli e consistenze meravigliose, sappiate che vi dannerete, tanto. Perché un giorno capiterà che farete quella ricetta di cui vi sentite maestri, eppure non vi verrà o, ancora, passerete la notte svegli accanto all’impasto del panettone in lievitazione, come se potesse sentire la vostra presenza (e, in un certo senso, può). Farete tutte queste cose. A volte, lo odierete, eppure non potrete farne a meno, perché vi ritroverete con la curiosità che vi travolge e vi spinge riprovarci, ancora e ancora.

Il lavoro nella panetteria e il suo viaggio nella capitale danese le hanno permesso di scoprire tanti nuovi segreti, che ha poi raccolto nel suo libro Come l’acqua per la farina – Ricette lievitate dolci e salate, basi e segreti per impasti perfetti. Quando impasta con il suo grembiule rosso, Aurora si sente parte di un mondo tutto suo lontano dalla tristezza, sfornando pizza, pane, focacce e prelibatezze simili. Il suo piatto preferito è, comunque, la pasta al pomodoro.

Come riportato su La Nuova, l’abilità in cucina non si può improvvisare, ma occorre studiare e allenarsi. Dell’esperienza nella bakery in Danimarca ha detto:

Sveglia alle 2:40 del mattino e tanta tenacia per imparare a lavorare con farina, acqua, lieviti, gestire gli imprevisti e garantire sempre il prodotto dietro al bancone. È stata un’esperienza stupenda nel fantastico pianeta dei lievitati, con colleghi meravigliosi.

Durante la sua tipica giornata, Aurora si sveglia presto, va a fare la spesa e registra dalle 9:30 alle 18:00. Naturalmente, per ogni ricetta è necessario organizzarsi e avere il tempo per pulire, oltre che quello per preparare ciò che serve, cucinare e montare i video.

Mi occupo della scrittura, dei post e dell’interazione con la comunità social. Servono sempre idee nuove.

Cooker Girl ha lavorato anche in un ristorante da una stella Michelin, imparando il francese.

La cucina scaldacuore, il primo libro di Cooker Girl

Il primo libro di Aurora Cavallo, alias Cooker Girl, è La cucina scaldacuore – Storie, ricette e segreti, uscito nel 2021. All’interno del libro ci sono un sacco di ricette e storie. A spingerla a scrivere e pubblicare questo libro è stata sua sorella Nicole. Del libro, a Elle ha raccontato:

È un libro che, tramite le ricette, racconta di me. Ogni ricetta è legata a un ricordo e la sua particolarità è che non è suddiviso in antipasti, primi, secondi e dolci ma in menu per occasioni, idea che devo a Nicole. È stata un’esperienza bellissima e molto soddisfacente.

Nel libro sono presenti pezzi della sua vita e le sue incredibili ricette, oltre a tante idee e menu con ingredienti soprattutto sostenibili. All’influencer interessa particolarmente il tema della sostenibilità ambientale: uno dei suoi consigli è, infatti, quello di utilizzare prodotti che siano a chilometro zero.

Sul cibo parlano i dati: il sistema alimentare è una delle cause del cambiamento climatico. Credo nella necessità di una transizione, seppur graduale e cerco di trasmetterlo con le mie ricette.

Sono presenti idee trucchi e consigli per brunch, aperitivi, piatti etnici, cene veloci da preparare, schede e ricette da seguire con facilità.

Come l’acqua per la farina è un must tra i libri di cucina

Dopo la pubblicazione de La cucina scaldacuore – Storie, ricette e segreti, è stata la volta di Come l’acqua per la farina – Ricette lievitate dolci e salate, basi e segreti per impasti perfetti. In questo libro si parla di pane, sfoglie, pizze, focacce, grissini e anche dolci golosi.

Acqua e farina. Due ingredienti per creare una magia: un insieme di trasformazioni, consistenze, profumi, volumi, aromi. Panificare ti cambia, ti insegna ad avere fiducia, a non abbatterti mai. Ed è vero: non esiste niente di più buono del pane, sia questo da gustare ma anche e soprattutto da amare.

È importante cucinare con cura, impegno, amore e pazienza, ma anche tecnica. Del resto, oltre che essersi informata sul Web guardando moltissimi video su YouTube e leggendo, Aurora ha anche studiato per perfezionarsi e continua a farlo.

Cooker Girl, influencer da due milioni di follower

Oltre a essere presente su TikTok – come vedremo più avanti – Aurora Cavallo aka Cooker Girl ha anche altri profili social dove condivide sia le sue ricette che pezzi della sua vita privata. Post, foto, video, storie e reel che racchiudono il suo mondo e la sua più grande passione: la cucina.

Su Instagram, è seguita da 735mila follower. Su Facebook, conta circa 135mila like mentre, su YouTube, gli iscritti sono 111mila. Per Aurora, la community è importante e, per questa ragione, cerca di interagire quanto più spesso con i suoi follower, rispondendo alle domande e ai commenti.

A Elle, ha raccontato che quello dell’influencer è per lei un lavoro a tempo pieno, considerando che un video le prende circa quattro ore tra registrazione, montaggio e anche pubblicazione. Dal 2020, inoltre, collabora con Giallo Zafferano e questo ha contribuito a farla crescere dal punto di vista professionale.

Il profilo TikTok di Cooker Girl

Come Cooker Girl, su TikTok, Aurora Cavallo vanta numeri da capogiro: 34,3milioni di like e 1,1milioni di follower. Sui social, la concorrenza è molta quindi, per avere successo, è importante avere talento, oltre che il giusto tempismo per proporsi, costanza, impegno e un po’ di fortuna. Su TikTok, l’influencer e imprenditrice digitale ha raccontato:

TikTok stimola la mia creatività e la qualità dei miei contenuti, un dettaglio a cui gli utenti fanno sempre più attenzione.

Per Cooker Girl, questo social rappresenta anche una fonte di ispirazione proponendo moltissimi contenuti.

Ciò che più amo di TikTok è la community. Mi emoziono quando, dopo aver visto una mia video-ricetta, alcuni utenti provano a ricrearla e mi inviano la foto del risultato finale. Sapere di essere riuscita a farli avvicinare al mondo del cibo mi rende immensamente felice.

I più bei video di cucina di Cooker Girl

La prima ricetta di Cooker Girl è stata quella della carbonara – poi diventata virale – ma sono tantissimi i video che ha proposto in questi anni e che continua a proporre raccontando ricette, sì, ma anche le storie e gli aneddoti legati ai piatti. Tra i più bei video di cucina c’è quello in cui prepara un risotto con delle sole cipolle.

Ciao guys, siamo tornati nella mia cucina milanese. Oggi una ricetta completamente “freestyle” pensata sul momento, ma vi assicuro che lo sforzo della preparazione viene ripagato.

Da guardare ci sono anche quelli del pane senza impasto e con lievito di birra, degli straordinari spaghetti aglio, olio e peperoncino e delle patate al forno super-croccanti.

Lo sentite? Ebbene sì, è il suono della felicità: patate al forno perfette, croccantissime fuori, dentro una nuvola.

Da non perdere anche i video sulle piadine/tacos/tortillas, sulla preparazione di un cremosissimo hummus e di un saporitissimo cous cous alle verdure.

Foto credit immagine di copertina Agenzia Fotogramma

Ultimi articoli

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience di Mondadori Media

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience, l’evento esclusivo per celebrare la nuova offerta beauty di Mondadori Media.

YouTube Music, ecco le playlist con l’AI: come funzionano

Dalle copertine personalizzate ai brani generati con pochi clic, ecco gli strumenti AI per le tue playlist YouTube Music.

Tiktoker da conoscere per organizzare il prossimo viaggio

I tiktoker giusti possono aiutarci nell'organizzazione dei viaggi, ecco i profili da seguire per trovare consigli, sconti, voli e strategie.

Anna Pisetti, il linfedema e la rinascita: ogni corpo è valido e prezioso

Anna Pisetti è una content creator che si batte per la body positivity. Dopo aver affrontato un cancro alla pelle le è stato diagnosticato un linfedema. Da allora si batte affinché tutti sappiano che ogni corpo è prezioso.