Discover

Come fare video didattici

Saper creare delle videolezioni efficaci e di qualità è una skill sempre più richiesta in vari ambiti. Dalla scuola “tradizionale” all’insegnamento esclusivamente a distanza, dalla formazione professionale ai tutorial più complessi: è importante non perdersi nei meandri del web. Oggi, infatti, internet mette a disposizione – anche gratuitamente – tantissimi strumenti per la didattica online, strumenti che consentono di amplificare l’esperienza della lezione: video, audio, app, chat, link, quiz, ecc. Ecco alcuni suggerimenti sugli strumenti necessari, a partire dalla realizzazione e dal montaggio di un video didattico.

Creare video didattici: cosa serve

La base da cui partire per realizzare un buon video didattico è l’attrezzatura tecnica. I fondamentali sono un pc o un laptop – possibilmente non troppo datati – collegati a una webcam o, in alternativa, una Reflex collegata al computer. Inoltre, se la location che hai scelto come studio di registrazione non gode di una buona illuminazione naturale, devi provvedere all’acquisto di una ring light o altre luci LED.

Per quanto riguarda l’audio, poi, è necessario un buon microfono (con o senza cuffie). I prodotti appena elencati possono essere acquistati senza troppe difficoltà online o nei negozi di elettronica. Ricorda di scaricare eventuali aggiornamenti di sistema del pc. Altrettanto essenziale è la pianificazione e produzione dei materiali.

Ricorda di preparare con il giusto anticipo il materiale didattico necessario, come slide, documenti di testo, immagini, tabelle e altro ancora. Dovrai inoltre decidere la sequenza del loro utilizzo, preparando uno schema della videolezione. Ecco un esempio: primi cinque minuti di solo parlato, poi slide e tabelle con spiegazione, quiz finale per una verifica dell’apprendimento e invio post-lezione dei documenti di testo.

Una ragazza al bar si sta informando leggendo il giornale sull'ipad

Creare video didattici gratis

Una volta acquistata e montata l’attrezzatura, dovrai fare le prove tecniche. Ad esempio il tuo viso, così come lo sfondo a cui darai le spalle, dovranno essere ben visibili. Evita di posizionarti in controluce. Uno sfondo neutro (come una parete in tinta unita) sarebbe l’ideale. Se non ne hai uno a disposizione, evita almeno di essere circondato da un eccessivo disordine. Dopo aver verificato che webcam, microfono, connessione internet e posizione del viso siano ok, puoi iniziare a registrare.

Un passaggio concomitante è la scelta dell’app – cioè del software – attraverso il quale veicolare il tuo video didattico. La maggior parte dei software più popolari ha una versione base gratuita e una versione premium – con funzionalità avanzate – a pagamento. Gli strumenti più diffusi per creare video didattici gratis sono:

  1. Zoom,
  2. Skype,
  3. Google Meet e
  4. YouTube.

Zoom, come probabilmente saprai, è una popolare piattaforma per le videoconferenze. Con la versione gratuita potrai tenere una videolezione della durata massima di 40 minuti con un massimo di 100 partecipanti (le videolezioni 1 a 1, invece, non hanno limiti di durata). Per utilizzare le funzionalità più utili per la didattica a distanza, come la condivisione dello schermo e la gestione dei microfoni dei partecipanti è invece necessario sottoscrivere un abbonamento.

App per creare video didattici

Altrettanto conosciuta è la piattaforma Skype di Microsoft. L’app di Skype consente di effettuare videolezioni gratuite fino a un massimo di 50 partecipanti e integra tutti gli strumenti necessari per realizzare video didattici in streaming. Ulteriore alternativa è Meet, la risposta di Google a Zoom e Skype. Questa piattaforma consente di gestire video didattici della durata massima di 60 minuti, con un massimo di 100 partecipanti per gli utenti singoli.

Per un utilizzo illimitato bisogna invece attivare un account business. Ultimo, ma non meno importante, è YouTube. Se infatti preferisci caricare un video didattico pre-registrato, YouTube è sicuramente da prendere in considerazione, sia da pc che da smartphone. Per caricare un video, dopo averlo creato e montato, devi effettuarne l’upload sul tuo canale, che potrai creare in pochi passaggi.

Tuttavia, puoi utilizzare YouTube anche per trasmettere lezioni in streaming, attraverso la funzione delle live. Se alle videolezioni in diretta preferisci i video da registrare, montare e trasmettere in un secondo momento, puoi scaricare una o più app per l’editing video. Tra le più diffuse ci sono InShot, Screencast-o-matic, Clideo e ClipChamp.

bambina mentre segue una lezione a distanza

Creare video didattici per bambini

Un consiglio valido per tutti i video didattici – e in particolare per i contenuti da mostrare ai bambini – riguarda la durata, in alcuni casi inversamente proporzionale all’efficacia. L’adagio “less is more” in questo caso è più che mai valido. Ti piacerebbe spiegare molte cose sull’argomento trattato? Devi comunque ricordare che la soglia dell’attenzione non va oltre una certa durata e che, di conseguenza, un video troppo lungo non aggiunge nulla ad uno più breve.

Un video didattico breve (non più di dieci minuti), accompagnato da materiali (immagini, slide, tabelle, ecc.) da consultare in un secondo momento, potrebbe essere una buona soluzione. In alternativa, puoi spezzettare un intero video didattico in più video brevi (come se fosse una serie Tv a puntate).

Altri suggerimenti utili per un video per bambini sono: parlare lentamente e sorridendo, scandire bene le parole e semplificare il più possibile il linguaggio, ricorrendo, se necessario, a metafore giocose. Riassumi le nozioni in poche frasi ma efficaci, evidenzia i punti salienti in modo vivace e colorato, usando frecce, stelline, fiorellini e attingi al mondo dei fumetti, delle favole e dei cartoni animati.

Creare video didattici animali

Per creare video didattici che hanno come protagonisti gli animali o figure animate è importante usare il programma giusto. Animaker, ad esempio, è uno strumento online semplice da usare, per realizzare animazioni e video presentazioni. Disponibile anche in lingua italiana, non richiede una particolare esperienza nel montaggio video. È sufficiente inserire i personaggi e gli oggetti sullo schermo attraverso un semplice drag-and drop.

Si possono caricare direttamente i video in full HD o condividerli su YouTube. Animaker, inoltre, offre un’ampia varietà di personaggi, sfondi, effetti, suoni e musiche. La versione gratuita consente di creare video didattici della durata massima di due minuti. Per le funzionalità avanzate, invece, è necessario avere la versione a pagamento del programma. In alternativa, è possibile utilizzare Canva for Education.

Con pochi clic potrai selezionare il tipo di animazione che preferisci. Una volta scelta l’animazione, potrai impostare la durata del video didattico e altre caratteristiche. L’app offre funzionalità molto utili come “Presenta e Registra”. Una volta realizzato il video, potrai condividere il link con i tuoi studenti attraverso il canale che preferisci (email, messaggistica istantanea, ecc.).

Ultimi articoli

Video NPC, cos’è il fenomeno che sta spopolando su TikTok?

Parole ripetute all’infinito e movenze robotiche: dal mondo dei videogames arrivano anche su TikTok gli NPC.

Il fenomeno delle influencer bambine (e delle mamme che le gestiscono)

Le instamamme e le preoccupanti foto delle minori stanno creando un caso nuovo su cui riflettere

Perla Vatiero: social, età, fidanzati della gieffina

Scopri chi è Perla Vatiero: dalla vita privata ai suoi social

Call of Duty – L’eredità di Capitano Price nel mondo della moda

La collaborazione con la costumista di “The Bear” Courtney Wheeler evidenzia l’influenza di Call of Duty nel mondo della moda, con gli iconici personaggi della serie che stanno stimolando la domanda di capi di ispirazione militare.

Camilla Da Rocha, un po’ posh e un po’ Cardi B

Non sapete nulla di regole di bon ton e volete scoprire cosa ci cela nel mondo del galateo? Seguite la creator @laposhhhhhh.