Discover

I social e l’arte: ma chi sono i creator che raccontano l’arte sui social?

Sui social network è, ormai, possibile trovare di tutto. Dal mondo food a quello fashion passando per il beauty, il lifestyle, il travel e molti altri, i creator – per passione o per lavoro – si occupano dei più svariati argomenti. Gli art influencer, ad esempio, sono esperti del settore che cercano di fornire spunti, idee e consigli sull’arte contemporanea.

Tra musei, gallerie e mostre, condividono le proprie esperienze e opinioni online. Si tratta di un settore di nicchia ma, comunque, molto amato e con contenuti di qualità. I social consentono anche ai giovani artisti di farsi conoscere. Scopriamo alcuni degli art creator più apprezzati.

1 – Edoardo Monti, creator che parla di arte sui social

Art cowboy”, Edoardo Monti è un collezionista e appassionato d’arte che parla di quest’ultima sui social. Seguito da 46400 follower su Instagram, ha studiato a New York, dove ha lavorato per Stella McCartney nel settore della comunicazione.

Nato a Bergamo nel 1991 e laureato in Art and Design, ha trasformato la dimora di famiglia in una residenza per artisti: è il founder di Palazzo Monti a Brescia. Le sue foto nelle gallerie di tutto il mondo sono diventate famose.

2 – Camilla Bruni, alias Una Camilla Contemporanea

Sui social, è conosciuta come Una Camilla Contemporanea. Nata nel 1997 ad Ascoli Piceno, Camilla Bruni studia Arti Visive a Bologna. Appassionata di arte, cerca di condividere la propria passione con il resto del mondo, sfruttando appieno il potenziale dei social. Su Instagram, ad esempio, è seguita da circa 43800 follower.

Una Camilla che parla di arte contemporanea. Sono anche una Storica dell’Arte (e vivo sostenibile).

L’amore per l’arte contemporanea – ereditata dal papà, diplomato all’Istituto d’Arte – l’ha portata a scegliere questo campo di studi, nonostante provenisse da un Liceo Linguistico e studiasse pianoforte. In realtà, infatti, è sempre stata appassionata di arte: disegnava e dipingeva continuamente. A Ithaca Magazine, ha raccontato:

Invece di continuare con le lingue, mi sono spostata sull’arte: avevo paura di annoiarmi troppo altrimenti; per quello che mi serviva avevo un buon livello di inglese.

Secondo Camilla, l’arte aiuta a riflettere sulla vita, costringendo a non rimanere passivi e “a compiere un profondo ascolto di se stessi e del mondo”. Per comunicare l’arte, non occorre usare parole complicate ma, al contrario, occorre semplificare i concetti per arrivare a più persone possibile.

Il mio obiettivo è, dunque, raggiungere quelle persone che non hanno avuto finora l’occasione di approfondire l’arte contemporanea ignorando, magari, di avere una passione semplicemente perché non la conoscono e non hanno ricevuto i giusti input.

3 – Maria Vittoria Baravelli, art influencer sui social

Seguita su Instagram da 36100 follower circa, Maria Vittoria Baravelli è una curatrice d’arte e di fotografia, oltre che art influencer.

Design, cinema & co. Soffro di una confortevole nostalgia di epoche mai vissute.

Grazie ai social, può raccontare di artisti, musei e mostre tramite post, foto, video, storie e reel. Condividere la cultura e raccontare il mondo dell’arte è il suo scopo. Nata nel 1993, è milanese di adozione e, fin da quando era bambina, ha sempre sentito la necessità di imparare il più possibile su storia e cultura. Come riportato su ArtsLife, Maria Vittoria ha raccontato:

Mi piace raccontare quello che vivo e che trovo mi arricchisca come persona. Andare ad una mostra, approfondire la storia di una determinata opera, intervistare un artista/un fotografo oppure scoprire luoghi e aneddoti non così noti al grande pubblico. Molte attività le decido autonomamente; altre volte sono proprio gli enti istituzionali quali musei, fondazioni, gallerie, librerie, scuole ad invitarmi alle loro inaugurazioni, eventi e presentazioni cercando di creare una sinergia di comunicazione.

Le nuove generazioni si informano soprattutto sui social ed è per questo che Baravelli crede sia molto importante comunicare con i più giovani usando questo mezzo.

Bisogna, quindi, raccontare la cultura in modo efficace, semplice e mai banale cercando di arrivare a tutti, intrattenendoli.

Art sharer, Christina Giopp è conosciuta come The Girl in the Gallery. Seguita da 30600 follower su Instagram, Cristina fotografa l’interno dei musei di tutto il mondo, dove non è più vietato fotografare. Sui social, si definisce “storica dell’arte, che vaga per il mondo alla ricerca di tesori artistici”.

Originaria di Padova, ha come progetto quello di educare il pubblico all’arte, affinché si ritorni a visitare i musei. I social rappresentano, secondo lei, il mezzo giusto per far conoscere l’arte ai più giovani e permettere che si appassionino a questa materia. Come raccontato a BergamoNews, per lei l’arte è espressione ed emozione, che riesce a raccontare l’amore, i sogni, la vita e tanto altro. Dei social, ha detto:

Mi sono servita di Instagram proprio perché credo che il loro compito sia proprio quello di raccontare e raccontarci. Ovviamente, non sono l’unica a condividere le mie passioni e a raccontare della mia vita ma, nel mio particolare caso, il tentativo è quello di mettere in luce l’affascinante e misterioso mondo dell’arte proprio perché tante volte sembra inaccessibile e distante e, quindi, vorrei avvicinare sempre più persone alle opere.

Tra le altre cose, ha studiato Economia e Gestione dei Beni Culturali, Art Business e Contemporary Art, Stima e Valutazione delle Opere d’Arte e, ovviamente, Storia dell’Arte.

5 – Come ti Critico l’Arte, Alessia Fraioli parla di cultura

Alessia Fraioli è una delle art sharer, art influencer o art creator – che dir si voglia – più apprezzate sul Web, al momento. Su Instagram, vanta un seguito di circa 29600 follower.

Sono bionda, ma parlo di cultura. Vi mostro cose fighissime e aiuto artisti, musei e gallerie a comunicare online.

Perché la sua passione sono l’arte e il digitale e, unendo le due cose, è possibile farne un lavoro.

6 – Giulia D’Achille, sui social è Points of Art

Giulia D’Achille si definisce una “divulgatrice d’arte”, perché utilizza le piattaforme social per parlare di arte, mostrarla, farla conoscere e apprezzare dal suo pubblico. Su Instagram, è seguita da circa 20500 follower, che non stanno facendo altro che aumentare insieme alla sua popolarità.

La storia dell’arte a portata di tutti.

Questo è il motto che si legge nella sua biografia ed è ciò che si evince, semplicemente sfogliando la sua gallery fatta di arte e colori.

7 – Giusy Vena, Less is Art come creator dell’arte

Storica dell’arte e creator digitale, Giusy Vena è conosciuta sul Web come Less is Art. Anche lei fa divulgazione, condividendo contenuti artisticamente rilevanti. Su Instagram, è seguita da circa 16600 follower.

Predico arte contemporanea in parole povere.

Laureata in Storia dell’Arte, Giusy spiega quest’ultima in modo semplice utilizzando, per l’appunto, i social. Come riportato da Il Giornalettismo, Vena ha spiegato:

L’arte è accessibile a tutti, se parliamo di ingresso nei musei o nelle gallerie. Certo, io sarei sempre per l’estensione dei biglietti gratuiti, ma è un discorso troppo ampio. L’acquisto di opere d’arte, invece, è ancora una cosa fuori dalla portata, soprattutto dei più giovani. Si può, comunque, amare l’arte senza per forza avere delle opere originali nel proprio soggiorno.

E l’amore per l’arte è proprio quello che fa muovere tutto. Soprattutto in Italia, il patrimonio artistico è ricchissimo.

8 – Eleonora Rebiscini, innamorata dell’arte contemporanea

Amante dell’arte contemporanea, Eleonora Rebiscini ama anche il Digital Marketing. Grazie ai social, è riuscita a inventarsi un lavoro come Art Strategist. Nata nel 1992 a Roma, ha lavorato come assistente curatoriale e insegna agli artisti a poter creare un proprio brand sui social. Su Instagram, è seguita da 13700 follower, ma che continuano a crescere.

Come consulente lavora per musei e case d’asta, tra gli altri. Il mondo dell’arte è ciò che la appassiona e Instagram la aiuta a condividere le sue esperienze.

9 – Caroline Corbetta, alias Miss Corbetta curatrice d’arte contemporanea

Su Instagram, Caroline Corbetta è seguita da 11700 follower, che sono in aumento dato i contenuti di qualità da lei proposti. Caroline è una curatrice d’arte contemporanea, oltre che una mamma – come specifica nella sua biografia – una giornalista e una consulente.

Nata a Milano, è conosciuta a livello internazionale e si occupa, per l’appunto, della diffusione dell’arte a più persone possibile. Appassionata d’arte e moda, Corbetta ha organizzato alcune mostre internazionali di artisti come quella di Nathalie Djurberg.

10 – Alessia Valente, Arte Ale tra arte e social

Infine, c’è Alessia Valente che, su Instagram, ai suoi circa 9mila follower si presenta come Arte Ale. Creator digitale, vive e lavora tra Milano e Roma come Marketing Specialist.

Location, itinerari d’arte, mostre, musei. Le migliori esperienze culturali.

Laureata in Economia per Arte, Cultura e Comunicazione e in Marketing Management, viaggia alla scoperta di culture e tradizioni nuove da condividere con i propri follower, così come l’arte. Tra i suoi scatti, ci sono gallerie, musei e mostre.

Ultimi articoli

Video NPC, cos’è il fenomeno che sta spopolando su TikTok?

Parole ripetute all’infinito e movenze robotiche: dal mondo dei videogames arrivano anche su TikTok gli NPC.

Il fenomeno delle influencer bambine (e delle mamme che le gestiscono)

Le instamamme e le preoccupanti foto delle minori stanno creando un caso nuovo su cui riflettere

Perla Vatiero: social, età, fidanzati della gieffina

Scopri chi è Perla Vatiero: dalla vita privata ai suoi social

Call of Duty – L’eredità di Capitano Price nel mondo della moda

La collaborazione con la costumista di “The Bear” Courtney Wheeler evidenzia l’influenza di Call of Duty nel mondo della moda, con gli iconici personaggi della serie che stanno stimolando la domanda di capi di ispirazione militare.

Camilla Da Rocha, un po’ posh e un po’ Cardi B

Non sapete nulla di regole di bon ton e volete scoprire cosa ci cela nel mondo del galateo? Seguite la creator @laposhhhhhh.