Discover

I trend dell’Influencer Marketing per il 2024

Dall’ultimo report di Buzzoole, emerge che nei prossimi anni l’Influencer Marketing continuerà a muoversi al ritmo delle innovazioni tecnologiche e a modellarsi attraverso la sinergia tra creator, brand e piattaforme, in grado di adattarsi agilmente ai trend emergenti. Ma quali saranno, nello specifico, le tendenze per il 2024?

Cross-medialità

Il primo trend del 2024 sarà la cross-medialità. I creator stanno tracciando nuovi orizzonti oltre i confini dei social, spingendosi verso territori sempre più vasti nel panorama digitale e oltre. Unendo la propria capacità di intrattenimento e creatività, stanno espandendo il proprio campo d’azione, riuscendo ad occupare nuovi spazi come figure di spicco all’interno del panorama mediatico più tradizionale.

Un esempio è Gabriele Vagnato che, partito dai social, è arrivato a Sanremo e nel 2023 è entrato a far parte di “Viva Rai2!”, il programma mattutino di Fiorello.

Dai palcoscenici teatrali alla TV, quindi i creator riusciranno a cogliere sempre nuove opportunità per mostrare il proprio talento.

Roma : Studi Rai Ex Dear . Boomerissima puntata cinque . Nella foto : Gabriele Vagnato (Roma – 2023-12-05, Maurizio D’Avanzo / ipa-agency.net)

Brand influencer-driven

Per molti creator, il cammino verso l’imprenditorialità si sta dimostrando un naturale percorso di crescita. Un numero sempre crescente di creator darà vita a brand personali, trasformando la propria popolarità in un marchio riconoscibile, sia attraverso la creazione diretta di prodotti o servizi che mediante la concessione in licenza a terzi.

Nel 2024, nuovi brand nasceranno dalla creatività dei creator, la cui forza risiederà soprattutto nell’autenticità e nella fiducia reciproca costruita con le proprie community.

Creator revenue streams

In questo vibrante ecosistema digitale, le piattaforme social continueranno a fiorire di nuove funzionalità progettate per alimentare la creatività e le opportunità di monetizzazione per i creator.

Si pensi a TikTok LIVE che permette ai creator di monetizzare attraverso dei token convertibili in denaro, che i fan possono utilizzare per premiare i creator durante le live. Oppure Meta che attualmente conta un milione di abbonamenti attivi su Instagram e sta implementando nuovi strumenti di monetizzazione.

Dunque, attraverso funzioni di monetizzazione native offerte dai social (come Instagram, TikTok LIVE, Twitch ecc…), tool specifici (come Patreon, Ko-fi, Tipee ecc…) o servizi pensati per creare ed offrire corsi online (Udemy, Teachable, Skillshare ecc…), sempre più creator ambiranno ad incrementare i propri flussi di ricavi e a trasformare le proprie passioni in un lavoro a tempo pieno.

Evoluzione dei formati

L’era del ristretto circolo di Family & Friends, pilastro dell’algoritmo di Facebook, sta cedendo il passo alla brillante alba della “Tiktokizzazione” e alle sue dinamiche di Entertainment.

In questa nuova fase, le piattaforme social si impegnano con maggiore intensità verso un obiettivo comune: attrarre gli utenti con funzionalità magnetiche e formati irresistibili, costruendo esperienze digitali sempre più coinvolgenti. Per questo motivo, Spotify ha implementato nella home page una struttura che replica il feed tipico delle social platform, utilizzando il formato story e short video per accompagnare le playlist. E Instagram ha recentemente lanciato Threads, un’app di conversazione basata sul testo molto simile a X (ex Twitter).

La sfida per il prossimo anno sarà offrire ai creator nuovi modi per realizzare contenuti di qualità sempre maggiore e costruire connessioni più profonde con le community.

AI content experience

Il 2023 ha segnato un’era di svolta tecnologica, con l’ingresso dell‘intelligenza artificiale (IA) nella nostra quotidianità.

Il prossimo anno, questa rivoluzione continuerà a rimodellare il tessuto della nostra realtà, introducendo nuovi strumenti di interazione, connessione ed espressione personalizzata. Creator e aziende che sapranno sfruttare le nuove opportunità offerte dall’AI, riusciranno a ottimizzare e immaginare nuove forme di branded content originali ed innovative.

Conclusioni

In conclusione possiamo dire che, nel 2024 continueremo ad assistere alla progressiva trasformazione dei content creator che raggiungeranno nuovi orizzonti di professionalizzazione. Al tempo stesso continuerà l’inarrestabile avanzamento delle abilità dell’intelligenza artificiale e lo sviluppo di tecnologie emergenti. La sfida per brand e creator quindi sarà quella di aprirsi con coraggio alla sperimentazione e all’esplorazione di nuovi territori, spingendosi con ambizione e curiosità oltre il tracciato.

Ultimi articoli

Virtual influencer vs real influencer: chi prevarrà nell’era digitale?

Sui social è arrivata una nuova tendenza: i virtual influencer. Cosa li differenzia da quelli reali? Quali sono i loro vantaggi e svantaggi?

Oroscopo e creator: chi seguire per sapere cosa ti riservano gli astri

Ecco chi seguire per scoprire di più sull'astrologia e sul tuo oroscopo.

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience di Mondadori Media

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience, l’evento esclusivo per celebrare la nuova offerta beauty di Mondadori Media.

YouTube Music, ecco le playlist con l’AI: come funzionano

Dalle copertine personalizzate ai brani generati con pochi clic, ecco gli strumenti AI per le tue playlist YouTube Music.

Tiktoker da conoscere per organizzare il prossimo viaggio

I tiktoker giusti possono aiutarci nell'organizzazione dei viaggi, ecco i profili da seguire per trovare consigli, sconti, voli e strategie.