Discover

Threads: pro e contro e i profili da seguire

Ha avuto successo il nuovo social lanciato lo scorso luglio 2023? Threads in Italia è arrivato il 14 dicembre e ora possiamo già fare le prime considerazioni. Associato al profilo Instagram, chi si è iscritto ha visto crescere rapidamente il numero dei follower. La notizia di questo inizio di primavera 2024 è che sulla piattaforma Threads è in arrivo una nuova sezione: Trending Now, che raccoglierà i contenuti più popolari, che al momento è in fase di sperimentazione negli Stati Uniti. Gli argomenti di tendenza hanno appeal perché offrono agli utenti la possibilità di rimanere aggiornati su news e fatti del giorno direttamente dalle piattaforme social, un’abitudine ormai consolidata.

La notizia degli ultimi giorni è che Meta ha introdotto un’importante novità per Threads: si tratta del supporto al Fediverso in versione beta, che consentirà di ampliare le possibilità di condivisione dei contenuti e costruire una community più estesa.

Threads è stata la risposta di Meta a Twitter-X, una piattaforma di microblogging in cui esprimere le proprie idee, come indica il nome, ma anche con cui interagire. Attualmente è possibile condividere un post di 500 caratteri, in cui includere foto e video. In un primo momento gli utenti hanno mostrato entusiasmo per quello che sembrava un Twitter dei vecchi tempi, da usare per condividere in maniera più semplice e diretta, senza troppi effetti speciali: andare dritto al punto e tornare all’essenziale. In realtà tutti stanno ancora cercando di capire cosa condividere e come farlo al meglio.

Loghi bianco e nero di threads nuova app di meta

Threads: quali profili seguire?

Chi ama leggere troverà le nuove uscite delle case editrici, corredate con immagini di copertina e spiegazioni, ma anche citazioni e chicche a tema libri e sugli autori più amati. Stessa cosa vale per l’ambito dei musei e della cultura: consultare i profili Threads ufficiali diventa un modo per essere aggiornati degli eventi che ci stanno a cuore.

I primi esperimenti su Threads sono stati timidi tentativi di esporsi chiacchierando del più e del meno un po’ come si farebbe in un bar, ora ognuno inizia a prendere le direzioni su cui è impostato il lavoro quotidiano. Per esempio, i travel creator condividono, qui su Threads così come in Instagram, post inerenti il tema viaggio. La differenza sostanziale è nel modo di condividere.

Su Instagram e TikTok sta funzionando quasi esclusivamente il formato video: se le stories non sono mai decollate su TikTok, ora sono in caduta libera anche su Instagram. Threads sembra essere il posto giusto dove condividere una chicca, ovvero piccole notizie ma rilevanti, azzeccate e centrale, che risultino di interesse, magari corredate da una fotografia, soprattutto capaci di saltare all’occhio generando botta e risposta. La discussione, infatti, dovrebbe essere l’elemento centrale.

Perché non usiamo – non dovremmo usare – un social per parlare con noi stessi in un eterno monologo, bensì per intrecciarci agli altri e avere la possibilità di condividere e scambiarci notizie sulle nostre passioni, anche a distanza: è questo il bello, no? E allora sì all’abitudine di usare parole chiave in grado di evidenziare ciò che ci interessa e commentare altri profili, condividere e dialogare.

Come usare Threads?

La caratteristica di Threads sembra essere una comunicazione più intima e familiare. Questo non significa non debba essere approfondita, per cui inutile parlare del più e del meno. Cerca quello che ti interessa veramente e dietro al post scoprirai persone con le tue stesse passioni e nuove tematiche di cui andare in cerca con reale curiosità. Threads non è focalizzato sulle immagini, sebbene sia possibile includerle: è il ritorno della parola. Ecco perché ti sarà utile creare e cercare conversazioni sugli spunti che desideri approfondire.

Abbiamo perso la capacità di fare conversazione? Forse. Ma Threads potrebbe essere l’occasione, se usata bene, di chiederci che cosa davvero ci stia a cuore, parlare meno e ascoltare di più, andando al di là dell’intrattenimento fino a se stesso che ci fa ingurgitare contenuti uno dopo l’altro solo perché presentano video che ci fanno restare incollati.

Su Threads potrai tenere il filo delle cose a cui stai lavorando e condividere gli spunti delle tue giornate, dal lavoro agli hobby preferiti. Con il “random threads” potrai divertirti con conversazioni a sorpresa, mentre l’opzione “challenge” ti darà la possibilità di completare sfide.

Foto di ira dulger by Pexels

Ultimi articoli

Beatrice Mautino, tra le più note science influencer

Biotecnologa, divulgatrice e science influencer, Beatrice Mautino parla di scienza, soprattutto legata alla cosmesi, sui social.

Virtual influencer vs real influencer: chi prevarrà nell’era digitale?

Sui social è arrivata una nuova tendenza: i virtual influencer. Cosa li differenzia da quelli reali? Quali sono i loro vantaggi e svantaggi?

Oroscopo e creator: chi seguire per sapere cosa ti riservano gli astri

Ecco chi seguire per scoprire di più sull'astrologia e sul tuo oroscopo.

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience di Mondadori Media

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience, l’evento esclusivo per celebrare la nuova offerta beauty di Mondadori Media.

YouTube Music, ecco le playlist con l’AI: come funzionano

Dalle copertine personalizzate ai brani generati con pochi clic, ecco gli strumenti AI per le tue playlist YouTube Music.