Discover

Samantha Frison: chi è la beauty influencer

Tra i tanti volti dei giovanissimi che spopolano oggi sui social, uno che si è fatto notare di più, facendo parlare di sé e meritandosi oggettivamente massima stima, è quello di Samantha Frison.

Nasce come baby youtuber

Nata come baby youtuber, è diventata muser, beauty influencer, content creator e modella. Seguita a livello internazionale, ha fatto del suo bel viso e del suo carattere estroverso ed energetico la calamita per attrarre un pubblico sempre più vasto, composto da teenager che la adorano e da adulti che l’ammirano.

Chi è realmente Samantha?

Qual è il plus del suo successo? Della sua vita sappiamo ciò che, negli anni, ci ha concesso di scoprire. Se è vero, infatti, che Samantha sia praticamente nata davanti al video (ha iniziato davvero giovanissima), è altrettanto vero che il suo rapporto col web e col mondo dei social non sia stato sempre rose e fiori.

Samantha di quel mondo ha vissuto gioie e dolori e oggi, dopo aver superato una grave malattia, ha deciso che non scenderà mai più a compromessi con nessuno.

Una vita al centro dell’attenzione

Samantha Frison è nata a Vicenza il 19 novembre del 2001. Già da queste poche informazioni, abbiamo svelato molto di lei: prima di tutto è giovanissima, in secondo luogo appartiene al segno zodiacale dello Scorpione.

È perciò – sostengono gli astri – una bambina che nasce già adulta, matura e testarda, una che sa ciò che vuole e come andare a prenderselo, talmente sincera da poter risultare scomoda.

Fonte: Instagram @samanthafrison

Nata già come diva

Timida e riservata, eppure intrattenitrice estroversa e chiacchierona. Una vera maga dei travestimenti, diva perfettamente a proprio agio sul palco, al centro dell’attenzione. Femminile e allo stesso tempo sensibile, empatica e disponibile.

Samantha Frison è una di quelle ragazze di cui abbiamo potuto seguire l’evoluzione da bambina a donna, semplicemente accedendo ad un social qualsiasi: YouTube, Instagram, Tik Tok, Facebook, Twitter.

Gli esordi su YouTube

Siamo nel 2012, Samantha ha 12 anni: è ancora una bambina che gioca con le Barbie. Come ad ogni adolescente, piace molto giocare col cellulare, girare video e riprendersi: lo vive come un gioco. Il 10 dicembre di quell’anno è il giorno decisivo della sua vita: decide di caricare il suo primo video su YouTube.

Il primo video su YouTube

Si tratta di un breve filmato in cui Samantha neanche compare. Dura solamente 45 secondi e nelle riprese si vedono alcuni ometti di Lego che si muovono. Forse rimarrete stupiti nel sapere che, oggi, quel video conta quasi 50.000 visualizzazioni.

Non male per una dodicenne che gioca coi Lego. La svolta definitiva verso il successo arriva quando Samantha decide di mostrarsi ufficialmente ai suoi follower: un viso acqua e sapone stupendo, un fisico da modella e un carattere simpaticissimo, da ragazzina impertinente.

La crescita della community

Comincia a condividere la sua vita quotidiana con tutti coloro che, giorno dopo giorno, decidono di unirsi alla sua community. Inizia a pubblicare video in cui dispensa consigli di moda e trucchi per il make up. Inizia così la sua personale metamorfosi: da teen youtuber si trasforma in life styler, influencer, content creator.

Samantha Frison è assolutamente accattivante e, in un batter di ciglio, conquista un pubblico enorme. Il successo arriva come un fulmine nella sua vita di dodicenne. Lei si diverte tantissimo, si sente amata, ammirata e protetta, al sicuro tra le centinaia di fan che ogni giorno le richiedono – con sempre maggior insistenza – semplicemente di esserci.

Il 2016 e i primi 10.000 iscritti

Samantha è un portento: bellissima, simpatica e spigliata, riesce senza alcuna difficoltà ad intrattenere una platea enorme ed eterogenea. Insomma, piace davvero a tutti. Durante gli anni delle scuole superiori continua a diventare sempre più un punto di riferimento per le teenager, la sua fama cresce di giorno in giorno e i video su Youtube non bastano più.

L’inizio del lip-sync

Sono quelli gli anni in cui comincia ad affermarsi il fenomeno di massa propriamente conosciuto come lip-sync, ovvero una specie di karaoke muto, in cui un cantante in playback muove silenziosamente le labbra, sulle note delle hits.

Chi esegue questi video viene definito muser. I muser creator spopolano soprattutto su quello che all’epoca è ancora chiamato Musical.ly e che diventerà, di lì a breve, la piattaforma social oggi conosciuta come Tik Tok.

Una nuova sfida che Samantha decide di affrontare come al solito: a testa alta e sempre col sorriso. Sono gli anni più belli e felici, ma questo – come spesso, purtroppo accade – lo capirà solo a posteriori.

L’avvicinamento a Instagram

Samantha ha recentemente dichiarato, in alcune interviste e in alcuni video comparsi sui suoi profili social: “Appena ho cominciato, sì che ero felice“. Manca solo il passaggio definitivo per diventare davvero grande ed approdare definitivamente nel mondo del jet set, dei VIP, delle star con guadagni da capogiro: Instagram.

Fonte: Instagram @samanthafrison

Influencer a tutti gli effetti

Con quest’ultimo step, diventa davvero il nuovo caso pubblico del momento: la teenager che giocava con gli ometti della Lego è pronta adesso per diventare un’influencer vera.

I 10.000 iscritti al suo canale Youtube del 2016 diventano 500.000, ai quali si aggiungono i 2.300.000 milioni di fan su Tik Tok e i 950.000 follower su Instagram. È un successo pazzesco a livello mondiale e non può passare inosservato, non può non attirare gli interessi della macchina del business.

2016 – 2018: il grande successo

Samantha Frison nel frattempo è cresciuta, sta portando a termine gli studi superiori, sta diventando una giovane donna. Di giorno è una normalissima studentessa, di sera diventa diva e star. Va a scuola, studia ed è Samantha dal lunedì al venerdì.

L’impegno durante i weekend

Nei week end, invece, sale su aerei e prende treni per raggiungere i suoi fan che la richiedono ovunque. Tra video, sfide, Q&A (Question and Answer, ovvero interviste strutturate in diretta social a suon di “botta e risposta”), partecipa ad eventi, festival, Meet & Greet, raduni speciali a numero chiuso, riservati esclusivamente ad una cerchia ristretta di fan selezionati.

Il gioco non è più solo un gioco. Non è più una bambina, pur avendo soltanto 15 anni. Per chi l’abbia seguita in quegli anni in cui la si ritrovava sempre sorridente e al top, sarà forse difficile comprendere le sue parole di oggi. Quando Samantha ha di recente ricordato quegli anni, infatti, non ne ha di certo scattato una fotografia molto felice.

Nessuna pausa per Samantha

Gli eventi le richiedono di essere sempre a mille, al top, sempre sorridente. Tutti si aspettano qualcosa da lei, il business deve girare alla massima potenza per permettere a chi tira le fila delle retroscene di incamerare più denaro possibile. Affermerà qualche anno dopo: “Devi essere sempre felice e non puoi mai metterti in pausa“.

La popolarità smisurata nella quale all’improvviso si ritrova, però, la risucchia completamente e la butta a terra. D’altronde – lo sappiamo bene – non sempre il successo è sinonimo di felicità e di esempi di star depresse ed infelici ne è piena la storia. Pensiamo alla portata che una tale situazione possa aver avuto su una ragazzina di 15 anni.

La tristezza che si nasconde dietro ai video

Il peso è esagerato, ma Samantha Frison non si ferma. Continua a fare ciò che le piace – ovvero i video – cercando di sopravvivere, nascondendo il baratro in cui sta cadendo e che cerca di nascondere, in ogni modo, anche a se stessa ubriacandosi, prima e dopo ogni live. Allo stesso modo, Samantha continua ad esserci, per i fan e per lo spettacolo, per gli sponsor e per chiunque la cerchi e la voglia. C’è per tutti tranne che per se stessa.

La pubblicazione del libro “Basta un click”

Il 9 ottobre del 2018, viene pubblicato per la narrativa young adult di Rizzoli il libro “Basta un click“, scritto da Samantha Frison. Sono 240 pagine che raccontano – nel linguaggio tipico degli adolescenti fatto di abbreviazioni, segni, convenzioni ed emoticon – la storia di Emma, una ragazza di 14 anni che frequenta il primo anno del Liceo artistico.

Una storia che parla di un’adolescente

Una storia che parla di un’adolescente, scritta da un’adolescente per i suoi coetanei. Una scrittura veloce e schietta, semplice ed immediata che, tra un fatto e l’altro, si dipana sui temi più attuali (e particolarmente vicini all’autrice stessa) del mondo dei social e del cyberbullismo.

La storia di Emma è un romanzo ambientato nei social dell’era contemporanea, dove gli amanti sono i follower e i nemici si chiamano hater. Il romanzo è stato accusato di non aver centrato perfettamente il segno, non entrando approfonditamente nel dettaglio e restando piuttosto superficiale.

Il mondo di Samantha

Va detto tuttavia che il libro è scritto da una ragazzina che guarda il mondo attraverso le lenti dell’adolescenza, con occhi ancora leggermente appannati, dove i margini non sono ancora perfettamente definiti, in cui tutto – ad un certo punto – si deve necessariamente risolvere. Una visione adolescenziale, più che semplicistica. Samantha nel libro mette tutto il suo mondo, nel quale “un click può essere un pugno o una carezza“.

2019: l’anno del cambiamento

Nell’anno in cui Samantha Frison festeggia i suoi 18 anni è riuscita a diventare tutto ciò che una ragazza della sua età vuole e sogna di essere. I marchi più rinomati della moda la richiedono come loro promoter. È famosa anche all’estero, una star richiestissima e ambita. È diventata ricca facendo ciò che la rende felice, ovvero lavorando nel mondo dei social. Insomma, ha davvero tutto. È al top, alle stelle.

L’inizio dei problemi

Purtroppo però, ad un certo punto, il destino decide di voltarle le spalle, mettendola duramente a prova. Adesso non è più questione di follower, di make up perfetto o acconciatura impeccabile. Questa volta è una questione di salute.

In seguito ad alcuni esami, i medici le riscontrano un tumore che richiede la rimozione della tiroide. È una cosa seria e va affrontata in fretta. Dopo aver dato la terribile notizia a tutti i suoi fan, Samantha si affida ai medici e a dicembre 2019 viene operata. La vita reale impatta sul mondo fatato dei social con una forza disumana.

I linfonodi maligni

Le cose vanno sempre bene solo nelle favole o nei romanzi, mentre nella vita reale purtroppo non sempre funziona così: dopo qualche mese dall’intervento, Samantha effettua altri esami di controllo e scopre che ci sono due linfonodi maligni che devono essere asportati.

Gli interventi chirurgici

Altro giro, altra corsa: ricoverata nel reparto di oncologia del rinomato ospedale di Padova, si sottopone a questo secondo intervento che richiede ulteriori terapie successive. Samantha non ha mai nascosto nulla di tutto ciò al suo pubblico, anzi ha deciso di sfruttare la malattia, trasformandola in opportunità di crescita, per se stessa e per tutti i suoi fan, affrontando questa difficile situazione in modo eccezionalmente maturo e coraggioso, affinché possa essere da esempio per tutti quelli che la seguono.

L’assenza dai social

Ovviamente la malattia l’ha tenuta per lunghi periodi lontana dai social e dai video, dalle serate e dagli eventi, ma non l’ha mai allontanata dai suoi follower. Samantha è riuscita a mostrarsi nelle sue debolezze, senza nascondere mai i momenti di sconforto, ma dimostrando come sia sempre possibile rialzarsi e diventare più forti di prima.

Come un VIP racconta di essere fatta di carne ed ossa

Succede spesso quando c’è di mezzo la salute e, ancor di più, quando la cosa riguarda un personaggio pubblico. Il mito si umanizza, diventa una persona normale, forse con ancor più fragilità. La scelta ricade su come riparametrare la vita pubblica su quella privata che, in certe situazioni, richiede maggiori attenzioni di prima.

Il coraggio di Samantha

Cambiano i tempi e anche le modalità. Si modificano i toni e si invertono le priorità. Samantha ha voluto dare un senso a ciò che le stava accadendo e ha raggiunto un livello più profondo di consapevolezza. Il tempo è la cosa più preziosa che possediamo e non va sprecato. Ci vuole coraggio e fermezza, disinteresse e concretezza.

A volte è più difficile, altre volte va meglio. Poter contare sul sostegno e l’affetto dei suoi fan, sicuramente le dà spinta per festeggiare con gioia le buone notizie date dai medici e affrontare con positività e fiducia le diagnosi meno positive. Samantha sa di potercela fare e il nuovo obiettivo diventa guarire, nel minor tempo possibile, per poter tornare in video urlando a squarciagola I’m back.

Fonte: Instagram @samanthafrison

La nuova vita di Samantha Frison

Dopo i due interventi, Samantha si deve affidare nuovamente ai medici che le consigliano un percorso di iodioterapia, una cura pesante e lunga che, di nuovo, la mette a dura prova. Inizia la terapia a fine estate, ma già poche settimane dopo riappare in video: più bella e sorridente di prima, forse solo un po’ più pallida e dimagrita.

La nuova Samantha

I segni di ciò che ha passato sono visibili sul suo viso e sul suo corpo: ma basta un buon correttore per nascondere le occhiaie più marcate, uno smalto colorato a ravvivare i gesti ed una linea di eyeliner per far tornare gli occhi allo splendore degli esordi. Ritroviamo Samantha in una versione tutta nuova.

L’imbarazzo della telecamera

La stessa influencer che tanto amava fare video e intrattenersi a tu per tu col pubblico, mostrando quanto semplice potesse essere trasformarsi da giovane teenager acqua e sapone in sexy lady provocante e ammiccante semplicemente indossando il giusto abbigliamento o applicando il make up, ora sembra quasi essere in difficoltà nel soddisfare le richieste dei fan che le chiedono nuovi consigli di moda.

Nei nuovi video sorride del suo sentirsi impacciata davanti alla telecamera: con l’autoironia che da sempre la contraddistingue dichiara di “non saper più fare“, di non aver più così tanta voglia di truccarsi e vestirsi.

Il cambiamento dovuto alla malattia

Samantha ha fin da subito compreso come lo stato di malattia non fosse necessariamente una condizione dove tutto si ferma o, peggio ancora, finisce, quanto piuttosto una finestra spalancata su un modo di vedere e di sentire tutto nuovo. La malattia diventa tramite di un cambiamento intimo e profondo.

Anche in questo caso è riuscita a raggiungere il suo obiettivo: fare della sua malattia un’opportunità di crescita, di maggior consapevolezza e perciò di rafforzamento personale e collettivo.

Pronta a ricominciare

Perché Samantha Frison è così: cresciuta nei social, ha fatto di quel mondo etereo la sua casa e dei fan la sua famiglia. I follower hanno il diritto di sapere cosa succede quando le luci dei riflettori si spengono ed è Samantha a mostrarglielo. È pronta – dopo tutto ciò che ha passato – a ricominciare, accettandosi nella sua nuova veste di donna in carriera. La differenza rispetto al passato è che lei, ora, è pronta a rischiare, consapevole che chi non la ama può tranquillamente non seguirla.

Il suo personale J’accuse

Negli ultimi tempi, Samantha Frison si è concessa il lusso di sfogarsi, raccontando in alcune interviste e direttamente nelle sue history ciò che la sua vita è stata nella realtà.

Ha cancellato con un colpo di spugna la patina dorata della popolarità conquistata sui social. Ha tolto le extension alle ciglia e ha mostrato al suo pubblico i suoi occhi non truccati. Si è sfilata la maschera e ha mostrato la sua vera anima. Non deve averlo fatto a cuor leggero, perché – in quanto vera star dei social – sa benissimo il rischio che corre nell’infrangere alcune regole ferree di quel mondo.

Un nuovo modo di apparire

Si tratta del famoso compromesso tra vita privata e vita pubblica dei VIP, il fragile e delicato equilibrio richiesto dal nuovo business – altamente cannibale – legato al ruolo degli influencer, blogger e content creator. Dopo la malattia, Samantha Frison è cresciuta più come donna che come modella, è diventata (o sta diventando) una vera influencer, nel senso più letterale del termine.

Non le importa più di riscuotere un successo generale e indistinto. Vuole essere seguita, ammirata ed apprezzata per ciò che di più grande ha fatto nella vita: sconfiggere la malattia, rimettersi in gioco, ricominciare da capo. E per farlo ha dovuto prima eliminare tutti i demoni che in precedenza l’avevano assalita, da dentro e da fuori.

Samantha ha aperto gli occhi su tanti aspetti

Il mostro peggiore con cui abbia dovuto fare i conti – ha recentemente dichiarato – non è stata tanto la malattia, alla quale – anzi – è paradossalmente grata. Ciò che l’ha profondamente distrutta è stata, piuttosto, la macchina demoniaca che ruota attorno al business.

Samantha Frison, una volta guarita, ha aperto le dighe e ha lanciato una violenta accusa contro chi gestisce il business dei giovani (e giovanissimi) influencer e content creator, imputando esplicitamente alle varie agenzie e ai diversi manager il crollo fisico e psicologico di cui è stata vittima.

Adulti vs ragazzi

Il mondo degli adulti contro il mondo dei ragazzi. Una guerra eterna che, nel suo caso specifico di giovanissima youtuber, tik toker e influencer, viene pesantemente aggravata dalla sete insaziabile di denaro.

Non tanto i genitori, men che meno i suoi, il cui unico, eventuale peccato sarebbe stato quello di aver assecondato i sogni della figlia, spronandola a sfondare in un mondo che, a loro, risultava ancora completamente sconosciuto, quanto piuttosto i manager, le agenzie di moda e pubblicità, organizzatori di eventi, festival e manifestazioni.

Più le cose si sono ingigantite, più è diventato business, la cosa mi ha distrutto. Cercavo di portare felicità alle persone che erano lì per me, quando in realtà stavo toccando il fondo. Le agenzie e gli adulti mi hanno distrutto“.

Il peso dei teenager

Senza entrare nel merito della discussione che riguarda la responsabilità familiare – nello specifico di genitori che si ritrovano a fare i conti con la fama internazionale di un figlio adolescente senza probabilmente aver troppo chiaro in che modo quella popolarità sia arrivata – non possiamo non riflettere, con almeno un po’ di rammarico, sul peso emotivo che un teenager debba sopportare in condizioni del genere.

Perché Samantha non ha deciso di smettere, se quella fama già all’epoca la stava distruggendo? Semplicissimo: “Perché a 14 anni ti emozioni per ciò che fai, meno per quanto guadagni“. Insomma la macchina del business – si sa – è assetata di denaro.

Sono cose che forse si possono capire solo da una certa distanza, perché se è vero che il business possa soffocare e opprimere un adolescente, é altrettanto vero come fama e popolarità, ammirazione e ricchezza siano il miraggio dorato di intere generazioni che nate e cresciute nel mondo del social e del visual.

Dov’è adesso Samantha Frison?

Samantha non demorde. La potrete vedere, in forma smagliante, mentre vive la sua nuova, meravigliosa vita a Londra. Una giovane e bellissima top model e lifestyler che, nonostante i suoi 21 anni, ha tantissimo da dire e da insegnare. Non è di certo più la ragazzina che si lasciava travolgere dagli eventi, mettendosi in bella mostra pur mantenendosi intimamente in secondo piano.

Samantha più forte che mai

Grazie all’esperienza e anche grazie alla malattia, Samantha Frison oggi è più forte che mai, meritandosi pienamente il titolo di vera e propria icona della femminilità e del moderno “essere donna” oggi, nel 2022. Continua a coltivare le sue passioni, prima fra tutte Youtube: lì la troverete nella sua frenetica vita londinese, divisa tra lavoro, casa, palestra e shopping.

Sono stata infelice per molto tempo. Lì (in Italia) non c’era più nulla per me e me ne sono andata: è stato difficile lasciare famiglia e amici. È stato difficile ma ne valeva la pena“.

Un mestiere non compreso

In Italia, ancora oggi, un mestiere come il suo non è capito, né riconosciuto appieno. Viene sfruttato, ma non nel modo corretto: si dà maggior peso ed importanza a quanto un influencer possa apportare in termini di guadagno e non si dà valore, piuttosto, all’importanza comunicativa, all’impatto sociale che quell’influencer possa avere sul pubblico.

Samantha è stata spesso accusata di non parlare bene, di sbagliare i verbi. È stata accusata di essere troppo bella, troppo magra, troppo sexy, troppo provocante. Insultata per essersi sottoposta – ventenne – al vaccino contro la diffusione del Covid19, ha risposto seccamente con quattro semplici parole: Ho il cancro LOL“.

Una Samantha pronta a rispondere

Ora lei non è più disposta ad incassare, bensì sferra pugni e schiaffi a suon di parole. Ha di certo imparato a difendersi, non teme più le critiche e pur continuando ad essere una ragazza assolutamente modesta, non riserva mezzi toni a nessun hater o contestatore di turno.

Certo, non è perfetta (e sorridendo, si difende dicendo come, vivendo all’estero da tempo, abbia ormai perso confidenza con la grammatica italiana), ma non permetterà più a nessuno di dirle come vivere e cosa fare o non fare. Il suo nuovo motto è I’m just living life.

Samantha e l’amore

Samantha Frison – si diceva – è del segno zodiacale dello Scorpione: passionale, gelosa e riservata. Nonostante la fama, il suo ruolo e la presenza costante nel jet set, ha sempre cercato di mantenere separata la sua vita pubblica da quella privata.

La privacy di Samantha

I video e i social, le foto e le history sono cose che riguardano esclusivamente lei e il suo mestiere. Tutto ciò che è la sua vita privata deve rimanerne fuori il più possibile, probabilmente per una forma di tutela e rispetto. Fuori dai social si vive al sicuro e certi affetti Samantha vuole che siano davvero protetti.

La storia con Giuseppe Barbuto

Sappiamo per certo che in passato (parliamo del 2017 – 2018) abbia avuto una storia – durata un paio di anni – con un “collega” youtuber di qualche anno più grande di lei, Giuseppe Barbuto.

Felicemente single

La storia è finita da tempo ed in maniera piuttosto tempestosa, tanto che ancora oggi i due non sono propriamente in buoni rapporti. Come lei stessa ha affermato, quella era una storia d’amore di ragazzini che appartiene al passato. Ora Samantha è una vera donna e, come tale, probabilmente è alla ricerca di storie d’amore ben diverse da quella. Per il momento, perciò, si dichiara felicemente single. Ora, dopo tutte le difficoltà e le tempeste, Samantha vuole pensare semplicemente a se stessa.

Leggi anche > > Umberto Miletto: tutti i suoi workout

Foto di copertina: Instagram @samanthafrison

Ultimi articoli

Bookinfluencer e social: cronaca di un amore annunciato

Gli influencer amanti di lettura e libri, i bookinfluencer, stanno conquistando i social da Instagram a TikTok. Ecco chi seguire.

I 10 podcast più ascoltati su Spotify

Inviati dall’Ucraina, approfondimenti su Putin e news nella classifica dei podcast più ascoltati su Spotify.

Giorgio Merlino: tra social e palestra

Scopriamo di più su Giorgio Merlino, uno degli istruttori di fitness più famosi d'Italia.

Mahmood e Blanco Sanremo 2022: canzone, duetto e curiosità

Una delle coppie più interessanti di questa edizione di Sanremo 2022. Scopriamo di più.

Le aziende non devono delegare il racconto agli influencer

Influenxer incontra Laura Corbetta, presidente di OBE, l’Osservatorio Branded Entertainment.