Discover

Come rendere virale un prodotto su TikTok e Instagram?

TikTok e Instagram sono due delle piattaforme social più popolari nel mondo, con milioni di utenti che le usano ogni giorno per condividere contenuti creativi, divertenti e informativi. Hai un prodotto da lanciare o comunque da spingere? Puoi sfruttare in diversi modi il potenziale di questi canali per raggiungere un pubblico ampio, interessato ed engaged. Ma cosa può contribuire, più nello specifico, a rendere virale il tuo prodotto su TikTok e Instagram?

Ragazza che sta guardando i social sul telefono

Prodotto virale su TikTok e Instagram con i contenuti giusti

Conoscere le regole – scritte e non – alla base del funzionamento e del successo di entrambe le piattaforme è il primo passo. Essere sempre sul pezzo, cavalcare i trend del momento e sapere cosa vuole esattamente la tua community di riferimento è fondamentale. C’è chi ottiene la viralità attraverso l’ironia, chi puntando sull’inclusività e sul gender-fluid, chi ancora ha saputo sfruttare in modo intelligente le provocazioni, le iperboli, i territori inesplorati (in materia di marketing).

Sul web troverai numerose case histories di successo, da Taffo a Red Bull o Fenty Beauty. A ciò si accompagna un altro set di conoscenze fondamentali: proprio quelle legate alle potenzialità del prodotto, a tutti i contesti in cui può essere utilizzato o comunque essere notiziabile. Si tratta di un prodotto con un’identità ben definita e riconoscibile? In caso contrario, ad esempio, preparati ad affrontare una concorrenza piuttosto agguerrita, come quella delle migliaia di prodotti che rientrano nella categoria “Amazon finds”.

I formati da sfruttare per rendere un prodotto virale

Passando poi all’aspetto pratico, il primo elemento da considerare è il tipo di contenuto che intendi creare per spingere il tuo prodotto. Il contenuto dovrà essere in linea con il tuo brand, il tuo target di riferimento e i tuoi obiettivi, ma anche con le caratteristiche tecniche e le tendenze di TikTok e Instagram. Su TikTok, il formato principale è il video verticale di breve durata (da 15 a 60 secondi): il video dovrà essere originale, coinvolgente e divertente. Per raggiungere questo obiettivo potrai usare effetti grafici ed effetti audio, filtri, stickers, musica, hashtag e app esterne per il montaggio e altre funzionalità che contribuiranno a rendere il contenuto (e quindi il prodotto) più attraente e virale. Come già detto, poi, dovresti partecipare a challenge, trend o sfide lanciati da altri tiktoker, purché siano pertinenti al tuo prodotto e al tuo messaggio.

ragazza al cellulare che naviga su tiktok
Aumentano i licenziamenti tiktok

Su Instagram, invece, avrai a disposizione più formati di contenuto, come foto, video, storie, reel, i live o i contenuti di testo offerti dalla nuova app Threads. Potrai scegliere il formato che preferisci in base al tipo di prodotto che vuoi promuovere e al tipo di interazione che desideri generare. Anche qui, potrai utilizzare in vari modi elementi visivi, sonori e testuali per rendere il tuo contenuto più accattivante e virale. Senza dimenticare le funzionalità interattive di Instagram, come sondaggi, domande, le emoji e i quiz, per coinvolgere la tua community e stimolare costantemente la sua curiosità.

Cellulare con profilo instagrm sullo schermo

Prodotto virale su TikTok e Instagram: green flags e red flags

Il contenuto giusto dovrà poi corrispondere a una serie di caratteristiche, quando si parla di valori aziendali e messaggi pubblicitari. Che si tratti di uno short video pieno di effetti speciali su TikTok o di una coinvolgente storia su Instagram, il contenuto dovrà essere autentico. Mostra il tuo prodotto in modo reale e trasparente, senza esagerare o ingannare il tuo pubblico. Come ben saprai, il web non perdona e basta davvero poco, a volte, per rovinare una reputazione costruita con tempo e fatica.

Altrettanto importante è il valore aggiunto: evidenzia il valore aggiunto del tuo prodotto, ovvero cosa lo rende unico, utile o desiderabile rispetto ad altri prodotti simili. Per fare questo, puoi ricorrere allo storytelling: racconta una storia costruita intorno al tuo prodotto, che sia emozionante, coinvolgente o divertente, in grado di creare una connessione con il tuo pubblico. Questa storia, infine, dovrà concludersi con una call to action ben studiata. Invita il tuo pubblico a compiere un’azione specifica dopo aver visto il tuo contenuto: acquistare il prodotto, visitare il sito web aziendale, seguirti sui canali social del brand, richiedere dei campioncini, ecc.

Costruire la community giusta per rendere virale un prodotto su TikTok e Instagram

Un altro elemento fondamentale è la community che intendi costruire intorno al prodotto. La community è l’insieme delle persone che seguono, interagiscono e si fidano del tuo brand. Saranno non solo dei clienti, ma anche degli ambassador. Avere una community ingaggiata e fedele ti aiuterà a rendere virale il prodotto su TikTok e Instagram.

Infatti ciò ti consentirà di aumentare la visibilità: più persone seguono e interagiscono con i tuoi contenuti, più questi avranno probabilità di essere visti da altre persone, grazie agli algoritmi delle due piattaforme. Non dimenticare la credibilità: più persone si fidano di te e del tuo prodotto, più saranno disposte a comprarlo o a consigliarlo ad altre persone. Non trascurare, infine, le attività di fidelizzazione: più persone si sentiranno “coccolate” e parte della tua community, più saranno propense a rimanere fedeli al brand e al prodotto nel tempo.

ragazzo che sorride con la macchina fotografica

Le collaborazioni che ti aiuteranno a rendere virale un prodotto su TikTok e Instagram

Le collaborazioni sono uno degli strumenti più preziosi ed efficaci dell’era web/social. Una collaborazione ben studiata, infatti, ti aiuterà ad ampliare la rete di contatti e ad aumentare la visibilità, sia del singolo prodotto che del brand nel suo complesso, sia su TikTok che su Instagram. Innanzitutto, puoi collaborare con uno o più influencer. I creator di successo, infatti, hanno una grande influenza sul pubblico, grazie alla loro autorevolezza, competenza e carisma. La fase più importante è la scelta dell’influencer giusto, soprattutto in settori dove c’è molta offerta/concorrenza (ad esempio food, beauty e travel).

L’influencer in questione, infatti, dovrà essere in linea con il tuo brand (e con i valori aziendali), il tuo prodotto e il target di riferimento, in modo da spingere il prodotto in modo autentico e convincente. In alternativa (o in aggiunta), potrai dar vita ad una “collab” con un altro brand/azienda, che offre prodotti o servizi complementari o affini al tuo. Meglio ancora se la scelta ricade su un brand che ha valori e obiettivi simili ai tuoi, in modo da creare sinergie e opportunità di cross-promotion che abbiano come protagonista proprio il tuo prodotto.

Ultimi articoli

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience di Mondadori Media

Al via The Beauty Revolution: la prima MypersonalExperience, l’evento esclusivo per celebrare la nuova offerta beauty di Mondadori Media.

YouTube Music, ecco le playlist con l’AI: come funzionano

Dalle copertine personalizzate ai brani generati con pochi clic, ecco gli strumenti AI per le tue playlist YouTube Music.

Tiktoker da conoscere per organizzare il prossimo viaggio

I tiktoker giusti possono aiutarci nell'organizzazione dei viaggi, ecco i profili da seguire per trovare consigli, sconti, voli e strategie.

Anna Pisetti, il linfedema e la rinascita: ogni corpo è valido e prezioso

Anna Pisetti è una content creator che si batte per la body positivity. Dopo aver affrontato un cancro alla pelle le è stato diagnosticato un linfedema. Da allora si batte affinché tutti sappiano che ogni corpo è prezioso.